There are 54.971 boxer records, at least 535.570 bouts and 10.309 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

RUSSO VINCE E CONVINCE, GIOCHI PIU' VICINI

 

 

Domina l'ucraino Golovashchenko, sconfitto lo scorso ottobre nel debutto APB

Il 10 luglio, a Milano o Bergamo, ritrova il kazako Pinchuk

di Giuliano Orlando

Se chi ben inizia è a metà dell’opera, all’Alcatraz di Milano, il tempio della musica di tendenza, che ieri sera ha scelto le sonorità dei colpi scagliati dai pugili, Clemente Russo ha compiuto un passo avanti decisivo per afferrare il pass che dà diritto ai Giochi di Rio, nel qual caso, per il doppio campione del mondo e doppio argento olimpico, scatterebbe il record delle quattro presenze, mai raggiunte nel nostro boxing.
 
Clemente Russo vs Roman Golovashchenko  /  Foto di Marco Chiesa
 
Nella bella struttura milanese, in cui i giochi delle luci fanno sempre un forte effetto scenografico, i numerosi spettatori hanno visto un Russo spolverato a nuovo. Un campione che nonostante i 18 anni di attività ai vertici, riesce a produrre boxe di altissimo livello, come è stato nel confronto con l’ucraino Roman Golovashchenko, dalla struttura imponente, incapace di creare le giusta contraria per frenare un Russo allenato a dovere, preciso e veloce, buon movimento sia del tronco che della gambe, bersaglio imprendibile per otto round. L’ucraino dalla boxe potente ma frontale, ci ha provato a fermare un rivale che colpiva di rimessa e usciva subito dalla reazione dell’ospite. In alcuni frangenti, quando evitava al millimetro i colpi dell’ucraino con rientri fulminei, mettendo in luce riflessi eccezionali, ci ha ricordato il protagonista dei Giochi di Pechino 2008 e dei mondiali di Chicago 2007 e Almaty 2013. Proprio in Kazakistan il pugile di Marcianise, sembrava aver firmato l’ultimo squillo di una carriera fantastica. Nel primo torneo ABP, svoltosi la scorso anno, pur arrivando in finale, non aveva convinto affatto. Statico, riflessi lenti e fiato corto. Nessun processo, considerata la lunga milizia, forse il rimpianto per il canto del cigno. Dopo la sconfitta bis contro Egorov, il possente russo che gli ha sbarrato la strada per il pass olimpico, altri avrebbero pensato al ritiro. Non così l’orgoglioso casertano. Con umiltà e ritrovate motivazioni, si è messo nella mani di Francesco Damiani per smentire i pessimisti. Non deve essere stato facile, ritrovare la voglia come fosse un ragazzino. Il primo passo per staccare il biglietto che porta a Rio, l’ha compiuto dominando Golovashchenko, che non è un fenomeno, ma se ti fermi e lui t’inquadra sono dolori. Russo non gli ha mai permesso simile confidenza e l’80 a 72 dei tre giudici rispecchia il divario tra i due.
Sapevo perfettamente che questo match rappresentava l’esame per capire se il sogno di firmare la quarta olimpiade poteva diventare realtà o annullarsi. I fatti hanno dimostrato che il vecchio Clemente può avere giustificate ambizioni. L’atleta non è una macchina e come tale, ha alti e bassi. Nel primo torneo per parecchi motivi non ero al meglio e ho pagato la condizione mediocre. Stavolta grazie alla pazienza di Francesco e della mia splendida famiglia, ho ritrovato stimoli e condizione. L’ucraino è parso inferiore perché ho imposto la mia boxe, ma vi assicuro che se lo lasciate picchiare ha mani pesanti e non poco. Adesso mi aspetta la sfida più importante contro il kazako Pinchuk, che lo scorso dicembre battei a Caserta. Ho visto il suo incontro di fronte all’algerino Bouloudinats, che gli dato filo da torcere. Non voglio fare pronostici, ma è certo che mi batterò per vincere e staccare il pass per la mia quarta olimpiade e quando sarò a Rio, il mio pensiero fisso sarà quello di tramutare i due argenti di Pechino e Londra in oro puro”.
 
Anton Pinchuk vs Chouaib Bouloudinats  /  Foto di Marco Chiesa
David Graf vs Yamil Peralta  /  Foto di Marco Chiesa
Tervel Pulev vs Marko Calic  /  Foto di Marco Chiesa
 
Giuliano Orlando

 

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 OTTOBRE DEL 1968

Vittorio Saraudi sconfigge Giovanni Biancardi di Priminao Michele Schiavone Il terzo campione italiano di Civitavecchia fu Vittorio Saraudi, figlio di Carlo, precursore del pugilato nella città...

18/10/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MIKE BELLOISE

Al secolo Michele Belloise di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore La famiglia Belloise ebbe dieci figli, quattro femmine e sei maschi. Di questi tre divennero pugili: Mike, Steve e Sal. Gli ultimi ...

18/10/2017

ADDIO A WALTER CEVOLI

GRANDE CAMPIONE RIMINESE di Alfredo Bruno Un altro lutto ha colpito la boxe italiana. A Rimini ieri si è spento, all’età di 59 anni, Walter Cevoli, che fu campione italiano dei mediomassimi negl...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 OTTOBRE DEL 1986

Jacobsen, un danese che fece la differenza di Priminao Michele Schiavone La storia pugilistica della Danimarca, anche se scritta da pochi pugili rispetto al maggior numero dei colleghi di altre nazi...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 OTTOBRE DEL 1964

La rivincita di Serti su Mastellaro di Priminao Michele Schiavone Uno dei pochi pugili che conquistarono il titolo italiano per la prima volta, al secondo tentativo, dopo aver perduto la cintura europ...

16/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 OTTOBRE DEL 1969

Carmelo Coscia, un campione di lungo corso di Priminao Michele Schiavone Uno di quei pugili che si spesero a lungo prima di arrivare all’appuntamento con il campionato italiano professionistico ...

15/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 OTTOBRE DEL 1983

A Milano, un programma, tre titoli di Priminao Michele Schiavone Quando il capoluogo lombardo poteva essere definito un baluardo dell’organizzazione pugilistica italiana, il promoter milanese Eg...

14/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 OTTOBRE DEL 1956

Guido Mazzinghi batte Marino Faverzani di Priminao Michele Schiavone La prima ed unica difesa del titolo italiano dei pesi medi sostenuta dal toscano Guido Mazzinghi avvenne il 13 ottobre 1956 a Milan...

13/10/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS