There are 54.971 boxer records, at least 535.570 bouts and 10.307 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

SCARPA TOGLIE IL TITOLO ITALIANO A DE DONATO

 

Scarpa conquista la seconda cintura nazionale in una diversa categoria

Ieri sera nella manifestazione professionistica organizzata dalla Boxe Cavallari in collaborazione con il Comune di Milano, Milano Sport, e svoltasi all’aperto, nel centro sportivo Crespi situato nel quartiere Lambrate di Milano, la cintura di campione d’Italia dei pesi superleggeri ha cambiato possessore. È passata da Renato De Donato ad Andrea Scarpa quando l’arbitro romano Roberto Di Mario ha fermato il match al settimo round, ritenendo il campione non più in grado di sostenere tutte le sue possibilità di combattimento.
 
Il guardia destra Renato De Donato, milanese di 26 anni compiuti lo scorso settembre, ha conquistato il vacante titolo nazionale dei pesi superleggeri un anno fa, imponendosi con decisione unanime al torinese Marco Siciliano. Da Allora ha difeso la cintura tricolore tre volte, sempre contro pugliesi. La prima si è trovato di fronte Alfredo Di Feto, concittadino di Luigi Minchillo trapiantato a Parma, ed ha superato la prova con evidente superiorità. La seconda ha dominato il confronto con il leccese Antonio Santoro, fermato per ferita nella sesta ripresa dopo una vana sfida. Questa volta, la terza, al cospetto del più alto Andrea Scarpa, foggiano di nascita residente a Torino, ha dovuto cedere il primato inchinandosi alla potenza dell’avversario.
La tecnica del lombardo è di prima qualità ma la mancanza di potenza lo porta a spendere molto per averla vinta sugli avversari. I colpi precisi e puntuali che mette a segno sono tanti ma la loro inefficacia lo impegnano oltremodo.                
 
Andrea Scarpa è arrivato alla sfida per il titolo italiano dei pesi superleggeri, passando dalla categoria dei pesi superpiuma alla più pesante dei welter jr senza aver collaudato il percorso nella nuova divisione di peso.
Andrea Pio, come risulta all’anagrafe, testimonia la venerazione della sua famiglia e della gente foggiana per Padre Pio, il frate cappuccino di Pietrelcina vissuto a San Giovanni Rotondo e  canonizzato da 11 anni.
Scarpa, passato professionista nell’aprile 2011, ha raggiunto il traguardo nazionale nell’estate dell’anno seguente quando si è imposto prima del limite al campano Nicola Cipolletta. La prima ed unica difesa del titolo, avvenuta contro il toscano Floriano Pagliara, si è conclusa vittoriosamente nel secondo round per manifesta inferiorità decretata dall’arbitro.
Poi il piemontese di adozione, che ha festeggiato i suoi 26 anni all’inizio di questo mese, ha deciso di lasciare la cintura italiana dei leggeri jr per puntare dritto al titolo dei pesi superleggeri ottenendo la qualifica di sfidante. La scelta gli ha dato ragione visto il risultato che lo ha portato a vincere la cintura nazionale al primo colpo.
Scarpa è stato il secondo foggiano a vincere il titolo italiano superpiuma dopo Salvatore Curcetti, classe 1960, che nel marzo 1986 ottenne la vacante cintura a spese del calabrese Antonio Renzo.
Questa seconda cintura nazionale è arrivata dopo che un altro suo concittadino, Luigi La Grasta, classe 1960, tolse la cintura superleggeri al lombardo Maurizio Ronzoni nel gennaio 1991.
Scarpa, nonostante la residenza a Torino da anni, è fiero delle sue origini ed indossa con orgoglio la maglia con la scritta “100% Foggiano”.
 
Il confronto è iniziato con delle connotazioni particolari che hanno visto lo sfidante occupare il centro del ring ed il campione girare intorno. Il milanese scatta all’improvviso per sorprendere il suo avversario. Il destro largo trova spesso il bersaglio. Scarpa è attento a concedere troppi spazi al campione e sul finire del round accorcia la distanza.
Nel secondo tempo gli scambi serrati trovano posto ai tatticismi precedenti. Scarpa, kg 63.500, usa con più armonia il sinistro di sbarramento e trova la misura per entrare con il pericoloso destro al viso. Sarà questa l’arma che il campione non riuscirà ad evitare in seguito e che lo porterà a franare.
La terza ripresa vede ancora lo sfidante guadagnare la posizione centrale del quadrato. De Donato, kg 63.400, riprende ad attaccare con il destro largo, lanciandosi all’improvviso sull’avversario ed arretrare per eludere le repliche. Il campione è molto mobile sul tronco ed i suoi ripetuti attacchi non danno a Scarpa il tempo di controbattere.
Nel quarto round il milanese si porta al centro del ring per dirigere le operazioni di attacco. I suoi colpi larghi sono spesso imprecisi. I loro movimenti non sono coordinati con la dinamica del tronco.
Il campione si fa apprezzare per l’uso del montante destro doppiato dal sinistro, ma la loro inanità è disarmante.  
La quinta frazione inizia sotto il fragore di incitamento a Renato. Il campione attacca a ripetizione con l’uno due ma lo sfidante, seppure colpito al viso ed al tronco, non si scompone e continua a cercare la misura per entrare con il pericoloso destro. De Donato insiste con combinazioni a due mani sopra e sotto la figura. Scarpa si allontana dopo ogni azione subita con gesti defaticanti della braccia.
Nel sesto round lo sfidante riguadagna la posizione centrale e pensa bene di usare le lunghe leve per imbottire di colpi la testa del milanese. Scarpa trova spesso il bersaglio con il destro che viene mal digerito dal campione. In quei frangenti De Donato accetta irragionevolmente gli scambi. Il difetto di potenza che i suoi pugni mostrano lo dovrebbero consigliare di non accettare la battaglia a viso aperto, soprattutto contro chi fa male come Scarpa. Questo non avviene ed il match si infiamma per il gusto dello spettacolo.
La settima ripresa inizia con Scarpa intento a cercare lo scontro duro. De Donato si avventa con scatti improvvisi. Appena finisce l’azione di attacco lo sfidante avanza senza dargli tregua. In uno di questi scambi il destro lungo di Scarpa coglie il mento del milanese facendolo cadere all’indietro. Dopo il rituale conteggio degli 8 secondi De Donato mostra ancora lucidità ma appare anche spavaldo con la sua guardia bassa. Il milanese con fare sfrontato invita il suo avversario a farsi avanti. Scarpa non s lascia pregare ed in una fase concitata del confronto piazza un altro destro che scuote visibilmente De Donato. A quel punto interviene l’arbitro che decide di fermare il match. Il campione diventa un ex e Scarpa alza le braccia in alto sicuro dell’importante risultato conseguito.
De Donato, professionista dal settembre 2010, ha scritto la sconfitta numero 2 a fronte di 12 successi (1 prima del limite).
Scarpa ha migliorato il suo record portando la cifra dei trionfi a quota 11 (6 anzitempo) contro 2 insuccessi rimediati all’inizio di carriera.
 
Al limite dei superwelter il milanese Riccardo Pintaudi è rimasto imbattuto contro il campano Giuseppe Rauseo. “Pimienta” Pintaudi, 8-0-0 (6), ha dovuto toccare il tappeto nel secondo tempo colpito al volto dal sinistro del mancino Rauseo, 0-5-1. Il lombardo ha vinto all’inizio della quarta ripresa quando l’avellinese ha accusato un infortunio alla mano destra.
 
Primiano Michele Schiavone
 

 

 

 

Archive

ADDIO A WALTER CEVOLI

GRANDE CAMPIONE RIMINESE di Alfredo Bruno Un altro lutto ha colpito la boxe italiana. A Rimini ieri si è spento, all’età di 59 anni, Walter Cevoli, che fu campione italiano dei mediomassimi negl...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 OTTOBRE DEL 1986

Jacobsen, un danese che fece la differenza di Priminao Michele Schiavone La storia pugilistica della Danimarca, anche se scritta da pochi pugili rispetto al maggior numero dei colleghi di altre nazi...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 OTTOBRE DEL 1964

La rivincita di Serti su Mastellaro di Priminao Michele Schiavone Uno dei pochi pugili che conquistarono il titolo italiano per la prima volta, al secondo tentativo, dopo aver perduto la cintura europ...

16/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 OTTOBRE DEL 1969

Carmelo Coscia, un campione di lungo corso di Priminao Michele Schiavone Uno di quei pugili che si spesero a lungo prima di arrivare all’appuntamento con il campionato italiano professionistico ...

15/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 OTTOBRE DEL 1983

A Milano, un programma, tre titoli di Priminao Michele Schiavone Quando il capoluogo lombardo poteva essere definito un baluardo dell’organizzazione pugilistica italiana, il promoter milanese Eg...

14/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 OTTOBRE DEL 1956

Guido Mazzinghi batte Marino Faverzani di Priminao Michele Schiavone La prima ed unica difesa del titolo italiano dei pesi medi sostenuta dal toscano Guido Mazzinghi avvenne il 13 ottobre 1956 a Milan...

13/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 12 OTTOBRE DEL 1974

Efisio Pinna vincitore in Sudafrica di Priminao Michele Schiavone Il pugile cagliaritano Efisio Pinna fu l’unico vincitore prima del limite del sudafricano Kokkie Oliver, che affrontò a J...

12/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, L'11 OTTOBRE DEL 1984

Luigi Marini, due volte campione nazionale di Priminao Michele Schiavone Tra i pugili che hanno conquistato più di una volta il titolo italiano si trova il marchigiano Luigi Marini che l'11 ott...

11/10/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS