There are 54.978 boxer records, at least 535.610 bouts and 10.316 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

LA NOTTE DELLA VERITÀ PROPIZIA A LANCIA, TORTI E GALASSI

 

 

Confermate le due cinture nazionali e la continentale in palio

di  Alfredo Bruno

Partiamo dal lato negativo, cioè la rissa scoppiata alla fine del match valido per il titolo italiano dei leggeri tra Lancia e Di Silvio. Premettiamo subito che non era una contestazione per un verdetto che è apparso limpido a tutti. Una delle regole inderogabili della boxe è quasi sempre che vince il più bravo e il più forte. Tra Manuel Lancia e Pasquale Di Silvio, il più bravo era Di Silvio ma il più forte è stato decisamente il campione che con merito ha conservato il titolo. Probabile che la tensione a fine match sia stata alta in un mix di entusiasmo e delusione, è stata sufficiente una scintilla per far scoppiare una rissa accennata sul ring e continuata fuori dal ring, ma sempre all’interno del Palafijlkam. La rissa avviene anche in altri sport, ma quando c’è di mezzo la boxe diventa più negativa per far risorgere stereotipi, che da tempo sono sepolti grazie alla collaborazione di tutti con i pugili in prima fila. Non sta a noi cercare cause e concause, perché è un lavoro che spetta a commissario di riunione, supervisore ed altri. Detto questo per dovere di cronaca parliamo invece di spettacolo, perché di spettacolo ce n’era per tutti i gusti. I tre incontri per il titolo sono stati indistintamente belli e lo spettacolo è stato di buon livello bypassando, un grande applauso agli atleti, un caldo disidratante come purtroppo avviene nei Palazzetti durante il periodo estivo.
 
La Notte della Verità, organizzata dalla Roundzero e da Marcello Paciucci, al di là di tutto è stata un’idea vincente; la collaborazione tra i vari organizzatori, elogiata in Conferenza Stampa, non ha avuto uguale buon seguito alla resa dei fatti. Qui c’è ancora da lavorarci, da limare, e la Lega Pro Boxe in qualche maniera dovrà metterci mano e uscire allo scoperto, cosa che già sta facendo sia pure in maniera cauta. Il leitmotiv è stato rispettato, anche se non come pensavano gli organizzatori: i campioni in carica hanno tolto con la prestazione del Palafijlkam ogni dubbio sulla loro superiorità sui rispettivi avversari.
 
Manuel Lancia è stato la grande sorpresa della serata, l’allievo di Pino Fiori, ha mantenuto un ritmo aggressivo costante come a Guidonia quando ha strappato il titolo a Di Silvio con verdetto messo in discussione, solo che stavolta il giovane oltre alla sua riconosciuta potenza ci ha messo più qualità e più sale. La micidiale combinazione, nel secondo round, di ganci con traiettoria stretta che ha inviato al tappeto lo sfidante è stata la copertina di un match, che da quel momento è stato tutto in salita per l’allievo di Agnuzzi. L’orgoglio del Puma lo conosciamo tutti, ne ha dato prova nel match valido per l’europeo con Marsili. Di Silvio si è alzato con fatica e ha dovuto sopportare l’attacco spietato di Lancia, che voleva sfruttare al massimo la situazione favorevole. Lo sfidante pian piano recuperava, ma doveva incassare ugualmente colpi pesanti di un Lancia che lo ha pressato senza interruzioni di sorta, e quando cercava di tagliare l’iniziativa, si ritrovava un avversario abile negli spostamenti del tronco che riusciva a mandarlo fuori misura. Il match è stato avvincente fino all’ultimo secondo, Di Silvio pur inesorabilmente indietro nel punteggio è apparso sempre capace dell’acuto per ribaltare il match; si deve alla bravura del campione se ciò non è avvenuto. Gli applausi del pubblico a fine match sono stati uno spontaneo riconoscimento ai due pugili per la bella prova. Il verdetto non poteva che essere unanime e Manuel Lancia si affaccia prepotentemente reclamando un’ attenzione maggiore con vista in campo internazionale.
 
L’altro titolo italiano, anche questo dei leggeri, vedeva di fronte Anita Torti e Monica Gentili. All’andata il verdetto a maggioranza era assegnato alla lombarda che diventava la prima campionessa d’Italia al femminile. Due modi di interpretare la boxe anche per caratteristiche fisiche. Monica ha basato essenzialmente sulla potenza, mentre l’avversaria dimostrava una comune abilità nello sgusciare attorno al ring tenendo fuori dalla traiettoria i colpi dell’avversaria. Credere che l’”avvocatessa” sia stata rinunciataria sarebbe farle torto, perché in varie occasioni ha accettato lo scambio dalla corta piazzando anche un bel montante destro oltre al gancio sinistro. La Torti non ha mai smesso di tenere sotto tiro l’ avversaria con i suoi 1-2 dritti, mentre la sfidante cercava l’impatto del destro al corpo per costringere l’altra ad abbassare la guardia. Nella prima metà il match risultava equibrato con una leggera preferenza che premiava l’aggressività della Gentili. A partire dalla sesta le cose cambiavano, c’era un’ inversione di rotta, e proprio questo round risultava molto duro per la Gentili, pescata con precisione al volto. La sfidante cominciava anche a dare segnali di stanchezza di fronte ad un’avversaria sempre lucida, che riusciva comunque a trovare varchi per le sue stilettate. Un po’ di sangue usciva dal cuoio capelluto dell’allieva di Sordini, grande gesto di sportività tra le due atlete che si abbracciano prima del decisivo round finale. La Gentili mette in azione tutte le sue risorse per ribaltare il match, ma la Torti non sbaglia, i colpi più precisi sono i suoi e vince anche stavolta, ma all’unanimità.
 
 
Simona Galassi ha dovuto sudare più del previsto per aver ragione di Laetitia Arzalier, una francesina tutto pepe, che l’ha sempre attaccata, in molte occasioni scompostamente, sufficiente per tenere alte le antenne. Molte volte più che colpi quelli di Laetitia sembravano guantoni appoggiati al viso della campionessa per toglierle la visuale. Simona si è sempre mantenuta calma e il suo sinistro implacabile si calamitava negli spazi lasciati incustoditi. Un match tutt’altro che noioso, una buona difesa europea per Simona, e una sfidante, che quando metterà ordine alla sua boxe aggressiva, saranno guai per le avversarie. Per ora si deve accontentare della lezione avuta da un’atleta di levatura eccezionale, nonostante bussano alla sua porta 42 primavere. L’allieva di Duran ha cesellato con abilità il suo magico sinistro al corpo e al volto dell’avversaria senza quasi mai avventurarsi per doppiare i colpi, il suo robot pugilistico segnava che era sufficiente così…senza rischiare più di tanto.
 
Domenico Spada non ha avuto difficoltà a superare un volonteroso Matic, che in qualche occasione ha tentato l’avventura, rimandata subito al mittente. Era la sua prima salita sul ring dopo la sconfitta con Rubio, un po’ di ruggine da cancellare, un primo test in attesa del match forse più importante della sua carriera al cospetto finalmente di un pubblico neutrale, parliamo del 25 ottobre a Montecarlo contro l’inglese Martin Murray, Mondiale Silver WBC. A Ostia con il passare dei minuti Vulcano si è sciolto, mostrando anche qualcosa di buono contro un avversario risparmiato per controllare il fiato nei sei round.
 
L’apertura era affidata al supermedio Diego Velardo, apparso sottotono rispetto alle sue ultime prove. All’allievo di Ardu non partivano i colpi, rimasti nelle intenzioni. Colpa del gran caldo, un fatto emotivo…Tutto da rivedere visto che parliamo di un atleta intenzionato a breve per una sfida con titolo in palio. Il suo avversario, Vadim Gurau, è apparso più determinato. In un paio di occasioni c’è stato lo scambio duro tra i due con alterna fortuna. Solo nel finale Velardo ha piazzato alcuni colpi secchi dalla media distanza, che fanno parte del suo repertorio. In verità poco per giustificare la vittoria assegnatagli.
 
La serata importante non ha avuto il pubblico delle grandi occasioni, ma durante i match clou lo scenario del Palafijlkam ha mostrato un discreto pubblico, tenendo anche conto del periodo di ferie.
Sul ring sono saliti a più riprese personalità come Alberto Brasca, presidente FPI, Roberto Aschi, presidente del Comitato Regionale Lazio, Carlo Nori, presidente della Lega Pro Boxe, Cristiano Rasi, consigliere X Municipio, Luca Gramazio, consigliere regionale. Hanno fatto anche degna passerella sul ring i nostri campioni: Emanuele Blandamura, Emiliano Marsili, Davide Dieli, Emanuele Della Rosa, Emanuele Salvini.
 
Un capitolo a parte merita Marco Facchini uno speaker e intrattenitore d’eccezione che non ha mai fatto mancare il suo apporto, ricucendo gli spazi di una manifestazione lunga 42 riprese di combattimento. Pochi hanno capito che in apertura la bellissima voce che cantava in americano era il buon Marco e non Frank Sinatra su CD.     
     
RISULTATI
Supermedi: Diego Velardo b. Vadim Gurau p. 6.
Medi: Domenico Spada b. Nikola Matic p. 6.
Titolo Italiano Femminile dei Leggeri: Anita Torti  b. Monica Gentili p. 10.
Giudici: Luigi Muratore 96-93, Raffaele Derasmo 96-93, Roberto Di Mario 96-94.
Titolo Europeo Femminile dei Mosca: Simona Galassi (Italia) b. Laetitia Arzalier (Francia) p. 10. Giudici: Ian John Lewis 97-94, Raiko Djajig 98-94, Zvonko Rukavina 100-91.
Titolo Italiano Leggeri: Manuel Lancia b Pasquale Di Silvio p. 10. Giudici: Francesco Ramacciotti 96-93, Raffaele Derasmo 97-91, Roberto Di Mario 98-92.
 
Alfredo Bruno

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 24 OTTOBRE DEL 1980

Pira batte Torsello di Priminao Michele Schiavone Il pugliese con licenza svizzera Antonio Torsello venne ingaggiato per una difesa volontaria accordata al campione italiano dei pesi welter Pierangelo...

24/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 23 OTTOBRE DEL 1979

Kalule, ugandese con licenza danese di Priminao Michele Schiavone Tra i tanti africani che trovarono nel vecchio continente il luogo ideale per realizzare i loro sogni ci fu Ayub Kalule, l’ugand...

23/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 OTTOBRE DEL 1977

Lassandro, tre volte titolare nazionale di Priminao Michele Schiavone L’elenco dei pugili diventati campioni italiani per tre volte nella stessa categoria contempla il nome di Damiano Lassandro,...

22/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 OTTOBRE DEL 1934

Edelweiss Rodriguez campione d'Italia di Priminao Michele Schiavone Uno dei primi pugili riminesi che si fece conoscere a livello italiano fu Edelweiss Rodriguez, vincitore del titolo nazionale profes...

21/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 OTTOBRE DEL 1979

John Tate vincitore di Gerrie Coetzee di Priminao Michele Schiavone Il primo campionato del mondo disputato in Sudafrica da pesi massimi fu ospitato a Pretoria il 20 ottobre 1979, combattuto tra il pu...

20/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 OTTOBRE DEL 1984

Mike McCallum, tre corone iridate di Priminao Michele Schiavone Dagli anni ’80 del secolo passato si è assistito alla crescita del numero di pugili che hanno voluto superare i primati di ...

19/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 OTTOBRE DEL 1968

Vittorio Saraudi sconfigge Giovanni Biancardi di Priminao Michele Schiavone Il terzo campione italiano di Civitavecchia fu Vittorio Saraudi, figlio di Carlo, precursore del pugilato nella città...

18/10/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MIKE BELLOISE

Al secolo Michele Belloise di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore La famiglia Belloise ebbe dieci figli, quattro femmine e sei maschi. Di questi tre divennero pugili: Mike, Steve e Sal. Gli ultimi ...

18/10/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS