There are 54.972 boxer records, at least 535.586 bouts and 10.313 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

BOSCHIERO, UNA VITTORIA IMPORTANTE

 

 

Boschiero respinge Frenois e mantiene l’europeo superpiuma

Tattica perfetta del campione, che adesso chiede e merita una nuova opportunità mondiale.

di Giuliano Orlando

Che non fosse una difesa facile per Devis Boschiero era previsto. Che per respingere il mancino francese Frenois, imbattuto dall’esordio al professionismo nel 2006, il campione dovesse essere non solo al meglio, ma in grado di leggere la giusta tattica, senza sbagliare nulla, rientrava nel suo compito. Il match disputato da Devis all’Ippodromo di Ponte Brenta alle porte di Padova, davanti ad un consistente numero di spettatori, che hanno incitato il beniamino di casa dal primo all’ultimo minuto, tatticamente è stato perfetto e nel contempo molto difficile. Lo sfidante non è venuto meno alle promesse della vigilia, dichiarando che sarebbe tornato nella sua St. Quintin, dove opera con altri due soci alla conduzione di una bella palestra, che gli consente di svolgere il doppio ruolo di operatore e di pugile, senza soluzione di continuità. Frenois, presentatosi con una barba al limite del regolamento, ha messo subito in mostra le sua armi tecniche. Più alto, braccia tentacolari, buon gioco di gambe e precisione in particolare col destro in jab, visto che da buon mancino fa valere l’arma classica. Meno efficace col sinistro che lancia spesso fuori misura. Questa la scheda dello sfidante, che Boschiero per fortuna ha letto subito a significare che il maestro Gino Freo si era documentato niente male per trovare la giusta contraria. Il campione è stato bravissimo nella conduzione da formica paziente e intelligente, consapevole che un rivale con quelle caratteristiche dovevi batterlo raccogliendo i punti, ripresa per ripresa, consapevole che sovrastarlo sul piano schermistico era impossibile. Così è stato. E’ doveroso dire che l’arbitro ha lasciato correre le scorrettezze di Frenois, abile a legare, portare i gomiti e la testa spesso in avanti. Devis per quattro riprese ha lasciato qualcosa a Frenois, che dava l’impressione di tenere la regia dell’incontro grazie alla velocità e al vantaggio dell’allungo. Al quinto tempo il primo segnale della svolta. Boschiero aumenta il ritmo delle repliche e riesce a trovare bersaglio pieno senza pagare il dazio della replica, tentata ma fallita dallo sfidante. Da quel momento Boschiero, non concede più quella confidenza tattica che Frenois sembrava in grado tenere nell’avvio del match. Il punteggio finale dei giudici (117-111, 117-111, 117-112) non è un regalo al campione, ma la somma di round vinti, sia pure di poco, ma corretti da parte dell’italiano. Dall’ottava ripresa in avanti, lo sfidante, pur replicando, era sempre un secondo dietro e la consistenza dei pugni del campione appariva evidente. Sempre nell’ottavo round, una combinazione, conclusa col destro al viso, mette chiaramente in crisi il francese, che sulla distanza paga pedaggio. Un match molto bello, sempre acceso ed emozionante, ma mai in dubbio sul vincitore dalla quinta in avanti. Un bravo a Boschiero che non ha mai mostrato cadute di ritmo, che ha costruito il successo con grande intelligenza tattica contro un rivale che dopo 31 vittorie ha dovuto accettare la prima sconfitta. Franois si è dimostrato più sportivo del suo angolo, fintamente sorpreso del verdetto, mentre il pugile ha abbracciato Boschiero, consapevole che era stato il più bravo.

Devis Boschiero assistito all'angolo da Gino Frero

Freo logicamente felice, confermava di aver studiato a lungo le caratteristiche di Frenois: “Il francese era il peggio che ci poteva capitare, dotato di una boxe sparagnina al limite delle norme, che nulla concedeva al rivale. Devis aveva meno allungo e dovevamo trovare la giusta contraria, per annullare l’handicap. Stavolta il ragazzo è stato perfetto, non si è mai innervosito, in particolare all’inizio quando la maggiore velocità dello sfidante avrebbe avuto le meglio. Nel frattempo Devis gli prendeva le misure e arrivava a segno con colpi sotto che a gioco lungo avrebbero ottenuto effetto. Così è stato e la chiave del match si è avuta all’ottavo round, quando lo sfidante ha rallentato trovandosi col fiato corto. A quel punto per Devis che stava meglio ha dato la svolta. Una bella vittoria, importante per sperare di ottenere una nuova chanche mondiale, come ci ha promesso Salvatore Cherchi”.
 
Il promoter è soddisfatto della difesa e assicura che la trattative per affrontare il giapponese Takashi Miura, titolare Wbc, sono iniziate da tempo: “I mentori di Miura sanno benissimo che Boschiero è lo sfidante e che è un cliente di tutto rispetto. In un certo senso la bella vittoria contro Frenois li rende ancora più prudenti. Per questo faranno l’impossibile per aggiudicarsi il match. Devis è disposto per una giusta borsa ad andare in Giappone, consapevole che possiede i mezzi per tornare a casa col titolo. Tra l’altro ha dimostrato di essere tornato ad una condizione splendida, migliore di quella degli ultimi match. Faccio i complimenti anche al francese, uno sfidante con i fiocchi. Ma inferiore a Devis. Spero che la diretta su Raisport abbia appagato il grande pubblico, un messaggio positivo per la boxe”.
 
Boschiero era molto soddisfatto della sua prova: “Il maestro Freo, un papà impagabile, mi ha portato al top della condizione e guidato nel modo giusto. Frenois è il pugile che non ti fa fare il match, furbissimo e dai riflessi eccezionali e pure scorretto. Ma io l’ho cucinato a fuoco lento. Forse non pensava che i colpi al corpo lo punissero così. Io invece ci contavo. Nella seconda parte, mentre io davo continuità, lui aveva sprazzi reattivi ma non era in grado di dare continuità. Inoltre i pugni che portava erano meno incisivi dell’inizio. A fine match è stato leale, dicendomi che ero io campione. Il mio rendimento ottimale è il frutto di un lavoro di squadra che comprende il mio psicologo Zanella che mi tranquillizza e mi da sicurezze, poi il dietologo Ryzzi, un amico insostituibile, il mago Viola, dalla mani magiche che lavora i muscoli da artista. Inoltre mi preparo da sempre alla Piovese la mia vera casa, dove trovo sempre amici veri. A tutti il mio grazie. Adesso spero che le promesse diventino realtà. Credo di non dover dimostrare a nessuno che merito una nuova opportunità mondiale, con la speranza che i giudici siano onesti”.
 
Nel resto della riunione buona prova di Cristian Sanavia, che nonostante gli annetti sulle spalle è ancora un torello possente. Lo ha capito il croato Marko Benzon, partito alla grande, ma stoppato nel secondo round con un destro che lo ridotto alla ragione. Ha chiuso ai punti, con le orecchie basse. Dura poco l‘esibizione di Domenico Spada, incacchiato per l’annullamento del match a Manchester contro l’inglese Andy Lee, per la cintura silver WBC. L’altro croato Marijan Markovic, ha cercato di metterla sulla rissa e l’arbitro al secondo round lo ha rimandato a casa. Vince bene, come da pronostico, il superpiuma Benoit Manno contro l’eterno collaudatore Luigi Mantegna, votato al ruolo di perdente dignitoso.
 
Giuliano Orlando

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 OTTOBRE DEL 1934

Edelweiss Rodriguez campione d'Italia di Priminao Michele Schiavone Uno dei primi pugili riminesi che si fece conoscere a livello italiano fu Edelweiss Rodriguez, vincitore del titolo nazionale profes...

21/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 OTTOBRE DEL 1979

John Tate vincitore di Gerrie Coetzee di Priminao Michele Schiavone Il primo campionato del mondo disputato in Sudafrica da pesi massimi fu ospitato a Pretoria il 20 ottobre 1979, combattuto tra il pu...

20/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 OTTOBRE DEL 1984

Mike McCallum, tre corone iridate di Priminao Michele Schiavone Dagli anni ’80 del secolo passato si è assistito alla crescita del numero di pugili che hanno voluto superare i primati di ...

19/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 OTTOBRE DEL 1968

Vittorio Saraudi sconfigge Giovanni Biancardi di Priminao Michele Schiavone Il terzo campione italiano di Civitavecchia fu Vittorio Saraudi, figlio di Carlo, precursore del pugilato nella città...

18/10/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MIKE BELLOISE

Al secolo Michele Belloise di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore La famiglia Belloise ebbe dieci figli, quattro femmine e sei maschi. Di questi tre divennero pugili: Mike, Steve e Sal. Gli ultimi ...

18/10/2017

ADDIO A WALTER CEVOLI

GRANDE CAMPIONE RIMINESE di Alfredo Bruno Un altro lutto ha colpito la boxe italiana. A Rimini ieri si è spento, all’età di 59 anni, Walter Cevoli, che fu campione italiano dei mediomassimi negl...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 OTTOBRE DEL 1986

Jacobsen, un danese che fece la differenza di Priminao Michele Schiavone La storia pugilistica della Danimarca, anche se scritta da pochi pugili rispetto al maggior numero dei colleghi di altre nazi...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 OTTOBRE DEL 1964

La rivincita di Serti su Mastellaro di Priminao Michele Schiavone Uno dei pochi pugili che conquistarono il titolo italiano per la prima volta, al secondo tentativo, dopo aver perduto la cintura europ...

16/10/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS