There are 54.971 boxer records, at least 535.570 bouts and 10.311 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

ASSEGNATE LE PRIME CINTURE ITALIANE AI NEO PRO

 

 

Trionfo della scuola laziale con 4 campioni

Gli altri sono arrivati dall’Abruzzo, Campania, Piemonte, Puglia e Toscana.

Brescia, 19 dicembre 2015 – Con le finali del primo campionato riservato ai pugili neo pro si è conclusa la fase sperimentale di questa nuova formula adottata per il pugilato professionistico.
La voce dell’annunciatore Mimmo Zambara ha fatto da cornice alla sfilata dei 18 pugili che si sono avvicendati sul quadrato per l’assegnazione del titolo nelle 9 categorie di peso interessate.
La manifestazione ha avuto inizio nel tardo pomeriggio per soddisfare il lungo programma durato quattro ore.

Le ostilità si sono aperte con il confronto al limite dei pesi piuma, tra Dionisie Tiganas, kg 57.100, il moldavo residente a Ferrara, ed il livornese Jonathan Sannino, kg 57. Dopo 6 riprese la vittoria è andata a Sannino (3-0-1) che ha costretto Tiganas (5-1-0) al doppio conteggio nel quinto round con precise combinazioni al tronco. Il toscano ha saputo esprimere un pugilato lineare che ha primeggiato contro un avversario impegnato a far valere i suoi poderosi colpi.

Il secondo confronto, valevole per la categoria dei pesi superpiuma, è stato vinto da Giuseppe Carafa, kg 58.600, che ha saputo imporre la sua tecnica al battagliero Giuseppe Bucello, kg 58.700, sulla distanza delle 6 riprese. Carafa, (4-0-1) di Ugento, Lecce, ha messo in luce i colpi lineari che hanno confuso il battagliero Bucello (3-3-0, 2) di Avola, Siracusa, improntato alla lotta a viso aperto. Il siciliano ha caricato più volte con la testa bassa di fronte alla boxe di rimessa del pugliese; nel terzo round è stato richiamato ufficialmente dall’arbitro per uso improprio della testa.
I due pugili si erano affrontati una prima volta lo scorso ottobre a Copertino, in provincia di Lecce, e la vittoria aveva arriso al pugliese con verdetto ai punti in 4 riprese.

Due romani si sono affrontati nel terzo match, valido per la divisione dei pesi leggeri, ed il successo è andato a Michael Magnesi, kg 60.700, che si è imposto in soli 52 secondi a Valerio Mazzulla, kg 60.900. Il più basso Magnesi (3-0-0, 2) ha trovato lo spazio per colpire duro il volto dell’avversario, trovatosi inchiodato alle corde, dove ha subito fino all’intervento dell’arbitro. I pugni sofferti da Mazzulla (3-1-0, 1) gli hanno procurato una violenta epistassi.

Ad un altro romano è andata la vittoria nei superleggeri, per il quarto combattimento: Francesco Lomasto, kg 63.700, si è imposto con decisione su Albert Ciprian, kg 63.200, romeno di nascita residente s Siracusa, come aveva fatto lo scorso luglio sul ring di Aprilia, ai punti in 6 riprese.
Lomasto (7-1-0) ha saputo manovrare con colpi lunghi, capaci di frenare l’avanzata di Ciprian (3-2-0, 1), sempre intento a portare colpi pesanti. Il laziale ha adottato efficaci serie al tronco che hanno arricchito il suo repertorio di diretti al volto. Il confronto è stato molto corretto con i due pugili abili anche a corta distanza.


Il quinto confronto ha visto la vittoria di Marco Di Gianberardino (4-2-0) a spese di Adi Catana, kg 66.700, per la categoria dei pesi welter, ottenuta al termine delle 6 riprese. Il longilineo Di Gianberardino, abruzzese di Avezzano, L’Aquila, ha prevalso sul tozzo Catana (3-2-0) di Roma, facendo leva sul suo allungo, Il vincitore ha saputo anticipare l’avversario, sia in fase di attacco che nella tattica di rimessa. Catana si è liberato in diverse occasioni del paradenti fino ad avere il richiamo ufficiale da parte dell’arbitro.

Per la divisione dei pesi superwelter, nel sesto match in programma, Christian Arvelo Segura, kg 69.800, ha avuto il favore della giuria dopo 6 riprese disputate con il romano Mirko Geografo, kg 69.200.

Con questo successo il dominicano residente a Torino ha ribaltato il risultato negativo ottenuto a Roma lo scorso mese al termine di quattro tempi. In questo confronto Arvelo Segura (7-2-0, 3) ha vacillato sul finire del primo round sotto i colpi precisi di Geografo (5-1-0), al quale sono mancate occasioni propizie nel reso della disputa. Il match non è stato spettacolare dal secondo al quinto tempo e si è vivacizzato solo nell’ultima frazione.

Un succcessivo romano ha trionfato nella settima sfida, nella categoria dei pesi medi, con Vincenzo Bevilacqua, kg 72.200, dichiarato vincitore in 6 riprese su Antonio Barbagallo, kg 72.100, siciliano di Mascalucia, Catania. Il confronto è stato molto contenuto: non ci sono stati spunti di vivacità e Bevilacqua (6-0-0) è stato preferito a Barbagallo (2-3-0) per una lieve persistenza nelle azioni combinate.

Nell’ottavo combattimento, al limite dei pesi supermedi, Luca Esposito, kg 76, ha vinto contro Filippo Gallerini, kg 75.500, per knockout tecnico a 2:57 del secondo round. Esposito (3-2-0, 1) ha riscattato la sconfitta ai punti in 4 riprese avuta lo scorso maggio a Rimini, con Gallerini (3-1-0, 1) al debutto.
Esposito, originario di Pagani, Salerno, è il fratello minore del più noto Samuele, ex campione italiano dei pesi superleggeri. Lo sconfitto è di Cattolica, Rimini.


Nel nono ed ultimo appuntamento della lunga riunione, al limite dei mediomassimi, è stato registrato un altro risultato prima del limite ad opera ancora di un laziale, Adriano Sperandio, kg 79.300, che ha fulminato Stefano Failla, kg 79.200, sul finire del quarto round. I due pugili hanno scambiato colpi pesanti al viso dai primi secondi ed hanno continuato ad incrociarsi con colpi larghi e testate pericolose. Failla ha riportato un taglio sulla palpebra dell’occhio destro già nel primo tempo, mentre Sperandio ha sofferto la ferita sopra l’occhio destro nella terza frazione.
Sperandio (3-0-0, 1) di Mentana, Roma, ha chiuso il conto con un corto destro al volto. Failla (2-3-2), siciliano di nascita trapiantato a Fidenza, Parma, è caduto in avanti senza scampo.

Primiano Michele Schiavone
 

 

 

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 OTTOBRE DEL 1984

Mike McCallum, tre corone iridate di Priminao Michele Schiavone Dagli anni ’80 del secolo passato si è assistito alla crescita del numero di pugili che hanno voluto superare i primati di ...

19/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 OTTOBRE DEL 1968

Vittorio Saraudi sconfigge Giovanni Biancardi di Priminao Michele Schiavone Il terzo campione italiano di Civitavecchia fu Vittorio Saraudi, figlio di Carlo, precursore del pugilato nella città...

18/10/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MIKE BELLOISE

Al secolo Michele Belloise di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore La famiglia Belloise ebbe dieci figli, quattro femmine e sei maschi. Di questi tre divennero pugili: Mike, Steve e Sal. Gli ultimi ...

18/10/2017

ADDIO A WALTER CEVOLI

GRANDE CAMPIONE RIMINESE di Alfredo Bruno Un altro lutto ha colpito la boxe italiana. A Rimini ieri si è spento, all’età di 59 anni, Walter Cevoli, che fu campione italiano dei mediomassimi negl...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 OTTOBRE DEL 1986

Jacobsen, un danese che fece la differenza di Priminao Michele Schiavone La storia pugilistica della Danimarca, anche se scritta da pochi pugili rispetto al maggior numero dei colleghi di altre nazi...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 OTTOBRE DEL 1964

La rivincita di Serti su Mastellaro di Priminao Michele Schiavone Uno dei pochi pugili che conquistarono il titolo italiano per la prima volta, al secondo tentativo, dopo aver perduto la cintura europ...

16/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 OTTOBRE DEL 1969

Carmelo Coscia, un campione di lungo corso di Priminao Michele Schiavone Uno di quei pugili che si spesero a lungo prima di arrivare all’appuntamento con il campionato italiano professionistico ...

15/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 OTTOBRE DEL 1983

A Milano, un programma, tre titoli di Priminao Michele Schiavone Quando il capoluogo lombardo poteva essere definito un baluardo dell’organizzazione pugilistica italiana, il promoter milanese Eg...

14/10/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS