There are 54.978 boxer records, at least 535.597 bouts and 10.315 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

WSB, L'ITALIA VINCE IN GERMANIA E L'UCRAINA PERDE

 

 

Possibile il vertice del girone A

Ci si gioca tutto il 22 febbraio a Gela (Calanisetta)

di Giuliano Orlando

Quello che nel Girone A, sembrava un turno di normale amministrazione, ha cambiato radicalmente la situazione con l’imprevista sconfitta dell’Ucraina a Buenos Aires, di fronte ad un’Argentina che non ti aspetti. I trionfatori della storica vittoria, sono tre pugili che si erano esibiti a Porto Torres nella sfida perduta 4-1 con i Dolce & Gabbana. Si tratta Blanc (49), battuto dal filippino Barriga in maniera netta, di Melian (56) il più esperto della squadra, dominatore dell’italiano Crudetti e del superleggero Aquino, un professionista imbattuto (15), che il nostro De Donato superò con un match di grande intelligenza tattica, annullando l’indubbia potenza di un rivale atleticamente più forte. I tre hanno dato all’Argentina la vittoria più importante contro la franchigia ucraina fino ad allora imbattuta. Blanc ha imposto a Kudriakov, che si era messo in luce all’esordio battendo il nostro Conselmo lo scorso 13 dicembre a Broary, un ritmo insostenibile, vincendo largamente. Lo stesso tema si è avuto con Melian nei confronti di Avagyan, un armeno di 23 anni che debuttava nelle WSB, ma non era certo uno sprovveduto. Bronzo agli europei di Minsk e titolare ai mondiali di Almaty, dove aveva battuto Parrinello per i quarti, fermato dal cubano Carrazana Ramirez solo ai punti. Di fronte a Melian non è praticamente esistito, badando solo a limitare i danni. Giustificando in un certo senso la sconfitta di Crudetti in Sardegna. Che la sfida nei 64 kg. tra il bronzo olimpico, il lituano Petrauskas e il professionista locale Aquino fosse il clou, nessuno lo dubitava, l’andamento del confronto ha superato le attese. Il più alto argentino che nonostante la sconfitta con De Donato aveva impressionato, partiva decisamente ad handicap sotto gli assalti di un Petrauskas che puntava alla demolizione del rivale. Alla fine del primo round, Aquino sembrava sull’orlo della disfatta, contato dall’arbitro, finiva il round decisamente in difficoltà. Non cambiava la situazione nel secondo, anche se Aquino riprendeva fiducia nei suoi mezzi. Infatti dalla terza ripresa le cose cambiavano radicalmente e le lunghe leve dell’indigeno cominciavano a mettere in imbarazzo Petrauskas in debito d’ossigeno e solo l’orgoglio gli permetteva di finire in piedi. Una grande vittoria, che il pubblico di Buenos Aires non finiva più di applaudire. Per riflesso la prova del nostro mancino milanese assume un valore ancora maggiore. Gli altri due confronti sono arrisi agli Otamans, grazie ai quali hanno portato a casa un prezioso punto. Il medio Mytrofanov conquistava la vittoria wo, per assenza di Ozan, che non si presentava al peso, togliendo anche un punto ai padroni di casa. Bella la prova del bielorusso Karneyev nei 91 kg. che dopo aver superato Russo, incamerava un facile successo sull’esordiente Solis.
 
La contemporanea vittoria esterna dell’Italia a Francoforte contro una Germania che ha provato a spuntarla senza farcela, grazie alle prove maiuscole di Barriga (49), Djelkhir e in particolare dell’ungherese Szello, che ha battuto il campione tedesco Witt, rimettono in gioco la franchigia guidata da Francesco Damiani, che al momento figura in testa alla classifica, precedendo l’Ucraina di un punto (17-16), situazione transitoria, visto che mancano ancora due turni e diversi recuperi, due per l’Ucraina e uno per l’Italia, ma quello che più conta è il confronto diretto del 22 febbraio a Gela nella parte meridionale della Sicilia, in provincia di Caltanissetta. Chi vince conquista la testa del girone, salvo imprevisti nei recuperi, con l’Ucraina che affronta due volte la Germania nelle vesti di favorita, mentre i Dolce & Gabbana vanno in Algeria l’8 marzo, impegnati nei 49, 56, 64, 75, 91 gli stessi pesi del confronto di Francoforte. Tornando alla vittoria in Germania, la scelta di Barriga è stata una mossa indovinata. Il filippino è decisamente uno dei top della categoria, molto migliorato tecnicamente e tatticamente. Hanno deluso il serbo Stankovic e ancor più il romeno Juratoni, battuti in modo chiaro da Sopa (64) e dal non eccezionale Radovic. Un vero peccato, perché rappresentavano punti fermi. Adesso Damiani dovrà fare il possibile per far venire in Italia l’irlandese Quigley, campione d’Europa e vice mondiale e recuperare Russo, purtroppo turbato dalla situazione delle gemelline, che destano preoccupazioni in famiglia. Per fortuna il magiaro Szello si conferma la vera punta dei massimi e da come ha dominato il campione tedesco Witt, potremo contare su di lui nei momenti importanti.
 
Gli altri due posti del girone A, utili per accedere ai quarti, sembrano sorridere agli USA e alla Germania. La prima con un sussulto d’orgoglio ha messo in angolo l’Algeria che presentava a Miami il miglior quintetto, con Flissi argento mondiale, finito clamorosamente ko al secondo round, dopo aver dominato il primo, Brahimi superato da Fulton, mentre il forfait di Ghadi completava la disfatta, dopo la sconfitta di Abbadi, titolare a Londra contro Delgado Suarez, ventenne dell’Ecuador. Unica vittoria algerina del solito Bouloudinats sul debuttante Temple.
 
Nel Girone B, due confronti nel rispetto dei pronostici. L’Azerbajan a Guba, domina la Polonia fanalino di coda, senza una vittoria in carniere e tre soli successi dei singoli, contro 37 sconfitte. Il Kazakistan passa a fatica in Messico (3-2) e mantiene il secondo posto, anche se deve mettere in passivo il ko subito dall’esperto Zhakupov contro il locale Emigidio, tipo sempre pericoloso, che ha ottenuto una vittoria clamorosa. Il kazako vanta successi sul cubano Cervantes, sugli ucraini Ilnytskyy e Butsenko, e il moldavo Riscan. Non un signor nessuno. Il confronto tra Russia e Cuba slitta al 12 marzo.
 
Le WSB si prendono una pausa, lasciando spazio ai Giochi invernali di Sochi. Per l’Italia l’appuntamento di Gela contro l’Ucraina il 22 (sabato) diventa decisivo per l’assegnazione del vertice. Solo in caso di vittoria italiana la situazione potrebbe cambiare, diversamente l’Ucraina ha tutti i numeri, anche aritmetici per vincere il girone. Si combatte nei 52, 60, 69, 81 e +91. I nomi su cui può contare il ct. Damiani sono: Picardi e Selby (52), Conceicao e Valentino (60), Mangiacapre e Pintaudi (69), Benchabla e Mullenberg (81), Nistor e Joyce (+91). Difficile ma non impossibile vincere.
 
Giuliano Orlando

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 23 OTTOBRE DEL 1979

Kalule, ugandese con licenza danese di Priminao Michele Schiavone Tra i tanti africani che trovarono nel vecchio continente il luogo ideale per realizzare i loro sogni ci fu Ayub Kalule, l’ugand...

23/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 OTTOBRE DEL 1977

Lassandro, tre volte titolare nazionale di Priminao Michele Schiavone L’elenco dei pugili diventati campioni italiani per tre volte nella stessa categoria contempla il nome di Damiano Lassandro,...

22/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 OTTOBRE DEL 1934

Edelweiss Rodriguez campione d'Italia di Priminao Michele Schiavone Uno dei primi pugili riminesi che si fece conoscere a livello italiano fu Edelweiss Rodriguez, vincitore del titolo nazionale profes...

21/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 OTTOBRE DEL 1979

John Tate vincitore di Gerrie Coetzee di Priminao Michele Schiavone Il primo campionato del mondo disputato in Sudafrica da pesi massimi fu ospitato a Pretoria il 20 ottobre 1979, combattuto tra il pu...

20/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 OTTOBRE DEL 1984

Mike McCallum, tre corone iridate di Priminao Michele Schiavone Dagli anni ’80 del secolo passato si è assistito alla crescita del numero di pugili che hanno voluto superare i primati di ...

19/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 OTTOBRE DEL 1968

Vittorio Saraudi sconfigge Giovanni Biancardi di Priminao Michele Schiavone Il terzo campione italiano di Civitavecchia fu Vittorio Saraudi, figlio di Carlo, precursore del pugilato nella città...

18/10/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MIKE BELLOISE

Al secolo Michele Belloise di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore La famiglia Belloise ebbe dieci figli, quattro femmine e sei maschi. Di questi tre divennero pugili: Mike, Steve e Sal. Gli ultimi ...

18/10/2017

ADDIO A WALTER CEVOLI

GRANDE CAMPIONE RIMINESE di Alfredo Bruno Un altro lutto ha colpito la boxe italiana. A Rimini ieri si è spento, all’età di 59 anni, Walter Cevoli, che fu campione italiano dei mediomassimi negl...

17/10/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS