There are 54.990 boxer records, at least 535.762 bouts and 10.356 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

INTERVISTA A MANUEL CAPPAI

 

CAPPAI, UNDICESIMO SARDO AI GIOCHI OLIMPICI

di  Giuseppe Giallara
 
CAGLIARI, aprile 2012. Dopo Vito Melis (1932), Gavino Matta (1936), Gianni Zuddas (1948), Salvatore Burruni (1956), Fernando Atzori (1964), Franco Udella (1968 e 1972), Giuseppe Mura (1968), Marco Scano (1968), Gaetano Pirastu (1976) e Andrea Mannai (1988), il pugilato sardo sarà nuovamente rappresentato alle olimpiadi per merito di un minimosca diciannovenne di Quartu Sant'Elena (CA).
 
Manuel Cappai tra Marco Scano e papà Fabrizio
 
A sorpresa, a 24 anni di distanza dalla partecipazione a Seul di Andrea Mannai, Manuel Cappai, nato nell'Accademia pugilistica “F. Loi” (la stessa di Mannai, di Fabrizio Cappai e di Marco Scano che fu anche il loro insegnante) liberandosi della luce riflessa derivatagli dall'essere figlio di Fabrizio Cappai, è riuscito a brillare di luce propria in poco più di tre anni di attività e a guadagnarsi il pass per Londra nel torneo Aiba di qualificazione olimpica a Trabzon in Turchia.
Ovviamente, con grande soddisfazione di papà Fabrizio che sfiorò egli stesso la partecipazione alle olimpiadi del 1988 a Seul e che adesso è l'insegnante del figlio insieme con Marco Scano. “Credo – dice Fabrizio Cappai – di aver costruito un po' un mio sosia nel modo di combattere.
Manuel sa leggere il match con furbizia e sul ring riesce a essere freddo e deciso. Nel pugilato sta mettendo impegno e passione, e questi sono i risultati”.
Il campione italiano dei minimosca cercherà, a Londra, di conquistare una medaglia per l'Italia e per la Sardegna, alla quale in passato Fernando Atzori, Gavino Matta e Gianni Zuddas hanno dato una medaglia d'oro e due d'argento.
A voler essere precisi, le medaglie d'oro sarebbero dovute essere tre poiché Matta a Berlino e Zuddas a Londra vennero scippati dell'oro rispettivamente contro il tedesco Kaiser e l'ungherese Csik. Altri tempi e altre storie.
Sul ring del palazzetto “Hayri Gur Spor Salonu” Cappai, dimostratosi il boxeur più tecnico ed elegante della sua categoria di peso, avrebbe voluto vincere il torneo invece di fermarsi alla medaglia di bronzo, ma il diavolo ci ha messo la coda. “Dopo il match con Maszczy – rivela Manuel – mi è sopraggiunto un dolore al braccio destro che mi ha condizionato nella semifinale con Aleksandrov.
Il destro non mi partiva; vedevo arrivare i colpi, li schivavo ma non riuscivo a rientrare. In pratica, ho combattuto solo con il sinistro. Nonostante ciò, sono convinto di non aver perso contro il pugile bulgaro. Mi sta bene anche così, ma solo perché mi ero già qualificato. Per questo, Aleksandrov lo voglio incontrare di nuovo, e non è detto che ciò non succeda già sul ring di Londra”.
 
Anche il turco Pehlivan, che si è aggiudicato l'oro, è parso alla tua portata.
“Si. E' bravo, ma essendo il pugile di casa, nel corso del torneo è stato un po' aiutato. In finale contro Aleksandrov ha vinto soltanto per 10-9. Avrei affrontato tranquillamente lui e anche l'avversario che ha battuto in semifinale, l'irlandese Barnes, un fighter aggressivo che sembra fatto su misura per la mia boxe. Più difficili erano sicuramente Soghomonian e Maszczy. Soprattutto il polacco, uomo di punta della sua squadra, aveva nettamente il pronostico dalla sua parte. Il suo team è rimasto deluso perché, con i suoi 28 anni e tutta la sua esperienza, si è fatto eliminare da un ragazzino di diciannove anni per lui sbucato fuori dal nulla”.
 
Quali sono i tuoi impegni più immediati?
“Tra breve andrò in Canada per disputare uno o due match. Si è pensato anche di farmi combattere in Ucraina, ma non ci andrò per non correre il rischio di stressarmi. A Londra è meglio che arrivi ben preparato e riposato, perché la posta in palio è alta”.
 
E certamente vorrai dire la tua...
“Proprio così. Sono entrato nel mondo olimpico e ciò significa che adesso dovrò vedermela con i migliori pari peso in circolazione. Questo però non mi spaventa, anzi mi motiva ancora di più; farò tutto ciò che sarà in mio potere per non rientrare a mani vuote e per non deludere il mio team che crede in me”.
 
Che effetto fa essere diventato olimpionico alla tua età?
“Bellissimo. E' una soddisfazione grandissima per me e anche per mio padre che alle olimpiadi di Seul non è stato inviato nonostante lo meritasse. Andrò a Londra con grande gioia e cercherò di farmi onore non solo per me, ma anche per lui e per il pugilato italiano”.
 
E ai tuoi tifosi che messaggio mandi?
“Li ringrazio per avermi seguito e incoraggiato. In tanti mi hanno scritto anche su “Facebook”, comunicandomi la loro fiducia. Penso di non averli delusi e prometto loro che cercherò di non deluderli neppure in seguito”.
 

Il dodicesimo olimpionico (contando anche la partecipazione di Franco Udella a due edizioni dei Giochi) della storia del pugilato sardo è pronto a farsi valere; è un giovane giudizioso, intelligente e maturo. E sa quello che vuole, senza tuttavia nascondersi le difficoltà che lo attendono. Sa che questa che ha saputo conquistarsi è una grande, affascinante occasione che potrebbe trasformarsi in una favola destinata a diventare vera. Speriamo che sul ring della “Excel London Arena” lo assista anche un pizzico di fortuna.

Giuseppe Giallara

 

 

Archive

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MELIO BETTINA

Al secolo Emilio Antonio Bettina di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore Melio Bettina. Anche se non viene annoverato tra i grandi della categoria fu sicuramente un ottimo pugile, un mediomassimo dal record...

19/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 NOVEMBRE DEL 1977

Azevedo pareggia con Backus di Priminao Michele Schiavone Il 19 novembre 1977 l’ex campione mondiale dei pesi welter Billy Backus, guardia destra originario di Canastota, New York, e nipote del ...

19/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 NOVEMBRE DEL 1972

Ugo Poli sconfigge Bruno Pieracci di Priminao Michele Schiavone La provincia di Sondrio trovò nel valtellinese Ugo Poli, originario di Ardenno, l’elemento di spicco per promuovere negli a...

18/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 NOVEMBRE DEL 1985

Giampiero Pinna vincitore di Mario Bitetto di Priminao Michele Schiavone Il sassarese Giampiero Pinna, divenuto campione italiano dei pesi mosca al terzo tentativo, il 17 novembre 1985, a Vercelli, so...

17/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 NOVEMBRE DEL 1967

Franco Innocenti supera Antonio Villasante di Priminao Michele Schiavone L’aretino Franco Innocenti tornò al successo il 16 novembre 1967, nella sua città, dove affrontò l&r...

16/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 NOVEMBRE DEL 1973

Giorgio Braconi sconfigge Cosimo Convertino di Priminao Michele Schiavone Il bresciano Giorgio Braconi per accedere al campionato italiano dei pesi superleggeri dovette disputare una semifinale al tit...

15/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 NOVEMBRE DEL 1970

Luciano Sarti vince contro Mario Lamagna di Priminao Michele Schiavone Il padovano Luciano Sarti divenne campione d’Italia dei pesi medi il 14 novembre 1970, nella sua città, dove vinse s...

14/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 NOVEMBRE DEL 1977

Giancarlo Usai batte Vincenzo Quero a Rimini di Priminao Michele Schiavone La seconda stagione come campione italiano dei pesi leggeri del sardo Giancarlo Usai fu proficua rispetto alla precedente, qu...

13/11/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS