There are 54.978 boxer records, at least 535.597 bouts and 10.315 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

DA CLAY AL 'GRANDE' ALI, ANALISI DI UN CAMPIONE UNICO

 

 

Una parabla particolare, in tutti i sensi

di Alfredo Bruno

Mouhammad Alì non ce l’ha fatta, stavolta l’avversario era invincibile. Ricoverato d’urgenza due giorni fa all’ Ospedale di Phoenix si è capito subito che per lui stava suonando l’ultimo gong. Sono frasi stereotipate quelle che scriviamo, di circostanza, ma come non parlare così di colui che ha impersonato la quintessenza della boxe in tutte le sue composizioni. Oggi si parla di pugilato moderno, Olimpiadi, titoli a grappoli, eroi che vanno e vengono con la velocità di una nave spaziale. Ma lui non c’entra niente con tutto questo bailamme, perchè la boxe è lui. Sfido chiunque che voglia parlare di pugilato a non nominarlo, a non ricordarsi di lui. Tutto il mondo lo conosce, quando dico tutto dico anche quelli che di pugilato non sanno niente. Lui è stato il numero 1, e su questo si può discutere, ma è stato in assoluto il più importante, è stato il personaggio per eccellenza, non c’è uomo di stato o nazione che in qualche modo non lo abbia nominato oppure lo abbia ricevuto e ascoltato. E’ stato dapprima un personaggio amato e odiato, ma dopo il suo ritiro è stato solo amato. Ed è un’ incredibile casualità  che un simile personaggio sia uscito proprio da quelle Olimpiadi di Roma del 1960. Allora si chiamava Cassius Clay e in qualche modo è stato insieme a Nino Benvenuti la star di cui si parlava di più e il personaggio che più incuriosiva. Non la smetteva mai di chiacchierare con la sua voce da ragazzo 18enne. Troppo bello, troppo perfetto, troppo sicuro di sè, troppo ciarliero. Però aveva le fissazioni e le paure della sua età: il terrore di volare in aereo faceva compagnia alla sua golosità nell’ingurgitare bottigliette di Coca Cola. Gli italiani facevano il tifo per Benvenuti, il predestinato, ma seguivano con la coda dell’occhio Cassius Clay. Era un mediomassimo longilineo, armonioso, e lasciava di stucco il suo gioco di gambe, le sue mani abbassate che scattavano all’improvviso con una velocità mai vista neppure nelle categorie più piccole. Il belga Yvon Becaus e il potente russo Gennadi Schatkov furono bypassati con facilità, ma l’australiano Tony Madigan gli diede parecchio filo da torcere, tanto da far pensare che contro il polacco Zbigniew Pietrzykowski, protagonista della scena mondiale coi suoi 300 e passa combattimenti, non ce l’avrebbe fatta. Fu proprio contro quest’ultimo che il “ragazzino” di colore diede una dimostrazione di classe che lasciò gli spettatori di stucco. Fu lui a contendere il premio Val Barker al nostro Benvenuti come miglior pugile del Torneo.
Passò immediatamente al professionismo. Un allenamento più solido e la sua crescita fisica lo misero subito in luce. La categoria all’epoca era dominata da Sonny Liston, un orso malvisto e ritenuto imbattibile per la sua terrificante potenza. Che fosse un fuoriclasse lo si capì fin dai primi incontri dove mise sotto gente di caratura internazionale come Donnie Fleeman, Alex Miteff, Lamar Clark, Alejandro Lavorante. Fu Archie Moore a fargli l’esame di laurea. Cassius sbalordì tutti e “La Mangusta” durò appena quattro riprese. Il Rubicone era stato attraversato e ormai ogni match diventava un appello o un guanto di sfida contro Liston. Doug Jones ce la mise tutta ma fu sconfitto senza appello. Qualche problema al Wembley Stadium di Londra glielo causò Henry Cooper con un sinistro maligno prima di cedere per ferita. Quando il 25 febbraio del 1964 si trovò davanti Sonny Liston, erano in pochi a credere su una sua vittoria. Alla settima ripresa Liston non si alzò dallo sgabbello, si arrendeva adducendo un dolore alla spalla. Un epilogo clamoroso che fece gettare fiumi di inchiostro, ma di una cosa bisognava tener conto, Liston aveva sempre più difficoltà a colpire un bersaglio che nonostante i suoi 96chili sembrava imprendibile mentre il jab del suo avversario martorizzava il suo viso. Certo come contorno c’erano episodi strani con strani movimenti e le voci divennero rumors quando nella rivincita Liston fu messo ko al primo round da un destro tanto veloce quanto invisibile, ma il destro rivisto con la tecnica moderna centrò la tempia del campione. Non c’erano più ostacoli, ma soprattutto non c’erano avversari capaci di impensierirlo. Cassius Clay era molto sensibile alla questione razzista che in America aveva raggiunto punte elevate. Tra le sue proteste fu quella di gettare l’Oro di Roma nelle acque del fiume Ohio. Il suo modo spaccone di proporsi, la sua abilità dialettica, la sua protesta continua contro tutto e tutti ne fecero un personaggio di portata “planetaria”. La sua battaglia contro il razzismo fece molto leva in un’epoca turbolenta. Subito dopo la conquista del mondiale si convertì all’Islam e quando nel 1966 fu chiamato alle armi si rifiutò di partire nel Vietnam come “obiettore di coscienza”. Venne condannato da una giuria di soli bianchi. Decise di ritirarsi ma tornò a combattere nel 1971 quando fu assolto per le irregolarità del processo a lui intentato. Nel frattempo si era fatto largo nella più importante categoria Joe Frazier, una macchina da guerra come lo descriveva Norman Mailer, nero anche lui e anche lui vincitore alle Olimpiadi, quelle di Tokyo nel 1964. Smokin aveva un gancio sinistro micidiale e un fisico d’acciaio imperturbabile alla sofferenza.

L’8 marzo del 1971 tutto il mondo seguì il match tra Joe Frazier e Mouhammad Alì, anche in Italia le televisioni in bianco e nero rimasero accese fino alle 6 del mattino quando il match terminò dopo 15 riprese con la vittoria del campione, ribadita da un gancio sinistro all’ultimo round che inviò al tappeto lo sfidante e fu il suggello di una vittoria e di un match che fece epoca. Frazier fu il suo grande antagonista e con il passare degli anni il suo grande amico. Alì vinse dopo per ben due volte in battaglie indimenticabili, ma il suo capolavoro lo compì contro George Foreman, una montagna che aveva frantumato in poche battute Joe Frazier e Ken Norton. Fu una strategia che Alì cominciò dal lato psicologico con le sue dichiarazioni di fuoco e sul ring completò svuotando le energie di Big George con una condotta di gara intelligente che causò un dispendio di energie da parte del suo avversario, fino a quando nell’ottavo round portò il suo attacco definitivo come il torero con il toro. Quel match fu considerato il capolavoro di sempre. Il decalogo di come l’intelligenza avesse avuto ragione della forza bruta. “The Greatest” come ormai veniva chiamato e riconosciuto sembrò dominare la scena dentro e fuori del ring. Molto seguiti i suoi tre matches con “il marine” Ken Norton, che si tolse il lusso di superarlo dopo avergli rotto la mandibola. Una sofferenza indicibile, ma Alì  riusci ugualmente a terminare il match e a prendersi la rivincita in altre due occasioni. Dominò la scena mondiale fino al 1978 anche se il suo fisico mostrava qualche crepa come avvenne contro Leon Spinks. Non stava più bene e qualche avvisaglia del suo male si cominciava a intravedere, anche se tenuto nascosto. Provò un rientro ma Larry Holmes e Trevor Berbick lo ridimensionarono, ma lo fecero in punta di piedi per non umiliare un monumento.
Su di lui si è scritto tanto, molti scrittori e giornalisti si son voluti cimentare, aggiungendo ciascuno quel qualcosa in più per completare un’opera che nel suo insieme può definirsi monumentale. Aveva iniziato nel 1954 e aveva lasciato nel 1981 (+ 56, 35 per ko, - 5).

Alfredo Bruno

 

 

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 23 OTTOBRE DEL 1979

Kalule, ugandese con licenza danese di Priminao Michele Schiavone Tra i tanti africani che trovarono nel vecchio continente il luogo ideale per realizzare i loro sogni ci fu Ayub Kalule, l’ugand...

23/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 OTTOBRE DEL 1977

Lassandro, tre volte titolare nazionale di Priminao Michele Schiavone L’elenco dei pugili diventati campioni italiani per tre volte nella stessa categoria contempla il nome di Damiano Lassandro,...

22/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 OTTOBRE DEL 1934

Edelweiss Rodriguez campione d'Italia di Priminao Michele Schiavone Uno dei primi pugili riminesi che si fece conoscere a livello italiano fu Edelweiss Rodriguez, vincitore del titolo nazionale profes...

21/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 OTTOBRE DEL 1979

John Tate vincitore di Gerrie Coetzee di Priminao Michele Schiavone Il primo campionato del mondo disputato in Sudafrica da pesi massimi fu ospitato a Pretoria il 20 ottobre 1979, combattuto tra il pu...

20/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 OTTOBRE DEL 1984

Mike McCallum, tre corone iridate di Priminao Michele Schiavone Dagli anni ’80 del secolo passato si è assistito alla crescita del numero di pugili che hanno voluto superare i primati di ...

19/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 OTTOBRE DEL 1968

Vittorio Saraudi sconfigge Giovanni Biancardi di Priminao Michele Schiavone Il terzo campione italiano di Civitavecchia fu Vittorio Saraudi, figlio di Carlo, precursore del pugilato nella città...

18/10/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MIKE BELLOISE

Al secolo Michele Belloise di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore La famiglia Belloise ebbe dieci figli, quattro femmine e sei maschi. Di questi tre divennero pugili: Mike, Steve e Sal. Gli ultimi ...

18/10/2017

ADDIO A WALTER CEVOLI

GRANDE CAMPIONE RIMINESE di Alfredo Bruno Un altro lutto ha colpito la boxe italiana. A Rimini ieri si è spento, all’età di 59 anni, Walter Cevoli, che fu campione italiano dei mediomassimi negl...

17/10/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS