There are 54.990 boxer records, at least 535.762 bouts and 10.359 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

ALTRI EVENTI DELLA SETTIMANA

 

 
EUROPA
 
06.11.2010, Newport, Galles, Gran Bretagna
Il 30enne gallese Gavin Rees, dopo la perdita della cintura WBA dei pesi superleggeri ha trovato un’altra strada da percorrere per risalire la china degli ambienti altri del pugilato internazionale, pensando di perdere qualche chilo ritenuto di troppo e militare nella divisione dei pesi leggeri. La decisione maturata quest’anno gli ha permesso di vestire la cintura Britannica dei pesi leggeri, nel momento in cui era vacante ed il primato gli veniva conteso dal 27enne John Watson, inglese di Liverpool.
Nel Newport Leisure Centre della città gallese il locale Rees ha dato l’impressione fin dai primi scambi di pugni che la sua consumata capacità e dimestichezza oscurava l’inesperienza dell’imbattuto Watson, giunto al suo primo appuntamento importante con l’immacolato record di 13 vittorie (5 prima del limite), ma privo di qualche nome accreditato nel ranking nazionale ad eccezione di Martin Gethin con il quale ha disputato la semifinale.
Con passare dei minuti le potenti combinazioni del più basso Rees hanno devastato il volto ed il corpo dell’avversario. Rees ha evitato il jab di Watson ed ha piazzato improvvisi desti al volto e ganci dal tronco.
Il più lento Watson, costretto a soffrire un taglio sull’occhio sinistro nel terzo round, ha stretto i denti ed ha atteso che il fuoco di Rees attenuasse le sue fiammate.
Man mano che il match scandiva i suoi secondi Watson appariva sempre più disarmato ed arrendevole. Poi Watson, spinto dalle motivazioni del suo allenatore David Coldwell, è apparso più sicuro di sé,  speranzoso e voglioso di riscattarsi dinanzi al blasonato avversario.
Dal sesto round l’andamento del confronto ha cambiato fisionomia con Watson più confidente nei propri mezzi. Mentre cresceva l’azione di Watson si appassiva quella di Rees che cedeva troppo al voglioso avversario. Poter sovvertire l’andamento del match stava diventando il credo di Watson.
Poi nella decima ripresa un corto destro portato d’incontro da Rees ha fatto cadere sulle ginocchia Watson. Il rappresentante di Liverpool ha superato la prova del conteggio ma le sue gambe mostravano tutta la fatica accumulata fino al quel momento. La campana di chiusura ha fatto il resto.
Quando è iniziato l’undicesimo tempo Rees sapeva che il suo avversario aveva poco da spendere così lo ha attaccato con vigore. Un gancio sinistro ed un destro hanno fatto caracollare improvvisamente la testa di Watson. A quel al punto l’arbitro Victor Loughlin ha deciso di chiudere la partita. Il tempo stimato della penultima ripresa è stato di 2:13.
Ora Rees, con il record di 34 successi (16 prima del limite) ed 1 sconfitta, guarda al suo predecessore che vanta la cintura EBU dei pesi leggeri, il connazionale John Murray, con il quale spera di misurarsi presto.
Watson, benché sconfitto per la prima volta dopo 13 trionfi (5 anzitempo), ha fatto una grossa esperienza che gli potrà servire per un futuro più propizio.
L’ex campione europeo dei pesi leggeri Jason Cook, 35enne gallese, ha riconquistato il vacante titolo del Galles dei pesi superleggeri disponendo anzitempo del 25enne connazionale guardia destra Barrie Jones, 16-6-0 (7). L’arbitro Roddy Evans ha fermato l’incontro programmato sulle dieci riprese quando mancavano pochi secondi alla fine del sesto round. Jones è caduto per una serie di colpi al tronco, si è rialzato ma ha dato l’impressione di essere giunto al capolinea.
Cook, sconfitto da Rees nella semifinale del Torneo Prizfighter superleggeri del 2009, è giunto a questo appuntamento dopo il pareggio conseguito con il campione Britannico dei superleggeri Lenny Daws.
Con questo titolo Cook, 27-3-1 (14), può bussare nuovamente alla porta del BBBofC per avere un’altra chance al titolo posseduto da Lenny Daws.
Altri risultati:
Suermedi, Patrick Mendy W PTS 4 Jamie Ambler;
Medi, Grzegorz Proksa W TKO 5 Theophilus Tetteh;
Supermedi, Jeff Evans PARI 4 Gary Boulden;
Welter, Bradley Pryce W PTS 8 Michael Lomax;
Welter, Karl Place W PTS 4 Billy Smith;
Supergallo, Davey Savage Jr W PTS 4 Jason Thomas
 
06.11.2010, Francia
Nella cittadina di Aix-en-Provence si sono disputati due campionati femminili.
La 35enne francese Myriam Lamare, 18-3-0 (10), ha effettuato la prima difesa del titolo WBFederation superleggeri contro la 31enne Lucia Morelli, italiana trapiantata in Germania. L’arbitro Paul Thomas ha fermato per knockout tecnico la Morelli, 14-2-0 (7), ad 1 minuto della sesta ripresa, dichiarandola sconfitta.
La 30enne Capucine Pauchet, 8-0-0 (5), ha conquistato la vacante cintura nazionale dei pesi piuma costringendo all’abbandono la 25enne Nassera Kebaili, 2-2-0, in sei riprese.
Nella località di Henin-Beaumont è stato assegnato il vacante titolo francese dei pesi mosca. A beneficiare del risultato è stato il locale 24enne Hassan Azaouagh, 8-6-0 (2), che ha sconfitto il 30enne Alain Bonnel, 13-18-0 (3), con decisione unanime in dieci riprese. Questi i cartellini: due 97-92 ed un 96-93. Il vincitore ha riscattato la perdita subita l’anno passato.
 
06.11.2010, Ginevra, Svizzera
Il 23enne francese Hugo Kasperski ha conquistato il suo primo titolo della giovane carriera professionistica. Al limite dei pesi supermedi il transalpino ha vinto la vacante cintura WBC Youth quando ha sopraffatto il coetaneo inglese Alastair Warren, giunto all’appuntamento dopo 6 incontri vinti (3 prima del limite). Prima della chiusura del match Kasperski conduceva il confronto con l’unanime vantaggio. I giudici  Claudine Pascale e Pierre-Alain Schneeberger registravano 49-46 mentre Fabian Guggenheim riportava un più moderato totale con 48-47. Nella sesta ripresa Warren è finito al tappeto e l’arbitro Curtis Thrasher ha chiuso il confronto ad 1:24.
Kasperki ha aggiunto sul record la 14ma vittoria (11ma prima del limite) contro 1 sconfitta.
Altri risultati:
Massimi, Johann Duhaupas W PTS 8 Paul Butlin;
Supermedi, Sofiane Sebihi W PTS 6 Yoann Bloyer;
Superpiuma, Patrick Kinigamazi W PTS 6 Zsolt Nagy.
 
 
05.11.2010, Chelm, Polonia
Il vacante titolo IBO Inter-Continental dei pesi massimi-leggeri è stato attribuito al 23enne polacco Mateusz Masternak che ha regolato il 34enne belga Ismael Abdoul, 36-19-2 (14), sulla distanza delle 12 riprese. Il confronto diretto dall’arbitro Leszek Jankowiak è stato dominato dal locale che ottenuto l’unanime consenso dei tre giudici. L’ampio verdetto è stato determinato da tre equanimi 120-108 calcolati dal polacco Wlodzimierz Kromka e dagli italiani Matteo Montella e Renzo Frisardi. Supervisore del match Benedetto Montella, il terzo italiano della serata.
Masternak ha continuato la marcia da invitto con 21 trionfi (15 prima del limite).
Altri risultati:
Welter, Lukasz Maciec W DQ 7 Saber Gasmi (vacante titolo TWBA Youth);
Mediomassimi, Dariusz Sek W TKO 3 Steve Kroekel;
Supermedi, Roman Shkarupa W PTS 6 Ruslans Pojonisevs;
Supermedi, Norbert Dabrowski W PTS 4 Andrejs Tolstihs.
 
 
05.11.2010, San Sebastian de Los Reyes, Spagna
Il titolo dell’Unione europea pesi gallo è rimasto al 21enne belga Stephane Jamoye, impegnao nella seconda successiva trasferta estera, in occasione della difesa obbligatoria con il 30enne Giovanni Jaramillo, colombiano naturalizzato spagnolo. Jamoye era reduce dalla discussa sconfitta in Messico con Tomoki Kameda, giapponese con casa messicana. Si ricorderà che il verdetto di quel match fu annunciato come pari per poi essere cambiato in sconfitta per l’europeo.
Questa volta per il belga le cose sono andate diversamente anche per una lesione sofferta da Jaramillo ad un braccio durante la seconda ripresa.
Il combattimento è stato emozionante con i due pugili che non si sono risparmiati fin dal suono del gong iniziale. Jaramillo, fautore di una boxe tecnica, è caduto nella tattica aggressiva del campione e si è fatto trascinare nella battaglia aperta. Lo spirito tecnico e l’arguzia della boxe in linea dello spagnolo hanno ceduto alla passione del combattente ed il risultato è stato per lui disastroso. Nell’undicesima ripresa Jaramillo è caduto esausto ed ha conosciuto la prima sconfitta dopo 9 vittorie (3 prima del limite).
Jamoye, in leggero vantaggio fino al momento dello stop, è così tornato alla vittoria e segnando il successo numero 19 (9 anzitempo) contro 1 sconfitta.
Altri risultati:
Superwelter, Daniel Perez Salido W TKO 3 Carlos Caicedo;
Superleggeri, Ruben Nieto W TKO 2 Mehdi El Ahmar;
Leggeri, Alejandro Rodriguez Pereira W TKO 1 Joan Josep Gallart;
Piuma, Ivan Ruiz Morote W TKO 1 Karim Quibir Lopez;
Piuma, Antonio Rodriguez W TKO 6 Jose Arturo Blanco;
Piuma, Alex Mora W TKO 5 Jorge Perez;
Supergallo, Joaquin Cespedes W TKO 3 Roberto Santos de Jesus.
 
 
AFRICA
 
Un ex pugile dilettante di nome Eppie Pohl è morto sabato 6 novembre nell’ospedale sudafricano di Middleburg, Mpumlanga, dopo 24 anni di coma.
Pohl venne sconfitto prima del limite il 20 giugno 1986, durante lo svolgimento di un torneo a Pretoria, quando combatteva per la società dilettantistica SA Defence Force.
Aveva 18 anni quando Pohl fu colpito dalla tragedia. Dopo il combattimento con Gary Ballard lo sfortunato Pohl tornò all’angolo dove perse conoscenza senza mai più riprenderla.
Dal suo ingresso in ospedale fino alla morte è stato amorevolmente seguito dalla madre che gli ha fatto visita ogni giorno durante i lunghi 24 anni di coma.
Pohl pesava solo 24 chili al momento della morte.
 
05.11.2010, Durban, KwaZulu-Natal, Sud Africa
Il campione sudafricano dei pesi massimi-leggeri Thabiso Mchunu ha dovuto abbandonare il titolo nazionale dopo che non è riuscito a rientrare nei limiti di peso della categoria. Mchunu ha fatto registrare 89 chilogrammi, andando oltre il limite fissato a 86,150. Il suo sfidante Daniel Bruwer, ex campione nazionale dei pesi mediomassimi, ha fatto registrare il peso limite di 89 kg. In Sud Africa, diversamente dal resto del mondo, il limite dei pesi massimi-leggeri è rimasto fissato al peso corrispondente alle 190 libbre.
A quel punto il titolo è stato dichiarato vacante e solo Bruwer avrebbe potuto conquistarlo aggiudicandosi il verdetto su Mchunu.
Alla fine così non è stato perché l’ex titolare ha vinto il confronto, fissato comunque sulla distanza delle dodici riprese, con decisione unanime.
Mchunu è troppo basso per pensare di poter ripetere nella più pesante divisione di peso i successi conseguiti al limite dei massimi-leggeri. Forse potrebbe tentare di spaziare un poco a livello internazionale dato che il limite si sposta dalle 190 libbre locali alle 200.
Il più basso Mchunu, nel combattimento con Brewer, ha combattuto con azioni ravvicinate che hanno impedito al suo avversario di avvalersi delle lunghe leve.
Mchunu è rimasto imbattuto con 8 successi (6 prima del limite).
Brewer, 21-2-1 (18), rendimento fin dalla quinta ripresa ha combattuto con una ferita all’occhio destro che ha condizionato il suo rendimento.
La vacante cintura nazionale dei pesi massimi-leggeri dovrebbe presto vedere di fronte Daniel Brewer e Ruben Groenewald, in attesa che Mchunu riordini il suo peso.
 
 
NORD AMERICA
 
06.11.2010, Fairfax, Virginia, United States
Il 35enne statunitense Jimmy Lange che alterna l’attività di pugile a quella di promoter, si è presentato ai suoi virginiani per contendere al 40enne connazionale Joe Wyatt la vacante cintura NABA USA delle 154 libbre. Lange, 34-4-2 (23), ha conquista il titolo ponendo knockout l’avversario nella decima ed ultima ripresa. L’arbitro Brian Costello è intervenuto a 2:38 del finale round per decretare l’out di Wyatt, 23-2-0-1 NC (15).
William Joppy Jr è tornato a combattere dopo le sconfitte con Lucian Bute e Sebastien Demers ma non è andato oltre il pari con 31enne Corey Cummings, 17-4-1 (13), al limite dei pesi supermedi. Il 40enne Joppy, 39-6-2 (30), tre volte campione WBA dei pesi medi, è finito appaiato con decisione a maggioranza sulle dieci riprese. Il giudice Bill Osterman lo ha giudicato superiore all’avversario con 96-94 mentre i colleghi Brian Costello e Mike D’Antillo hanno totalizzato il pareggio con due distinti 95-95.
 
 
06.11.2010, Newark, New Jersey, United States
La sfida tra l’americano Zab Judah e l’argentino Lucas Matthysse, valida per il vacante titolo NABO dei pesi superleggeri e sanzionata anche dall’IBF quale eliminatoria per occupare il secondo posto nella classifica mondiale, è stata aggiudicata al locale per decisione divisa. Al termine delle dodici riprese dirette dall’arbitro Earl Brown i giudici Hilton Whitaker e Joseph Pasquale hanno assegnato rispettivamente un punto di vantaggio a Judah con 114-113 mentre il collega Waleska Roldan ha attribuito la stessa lunghezza a favore di Matthysse.
L’uso ripetuto del jab da parte 33enne Judah ha dominato la scena durante le prime riprese. Anche se l’argentino non ha eguagliato la velocità di esecuzione del suo avversario, con il passare delle riprese si è fatto sempre più pericoloso fino a vedere cadere Judah sulla stuoia. Nella decima ripresa, infatti, il coloured americano ha toccato il tappeto dopo essere stato colpito da un preciso destro del 28enne Matthysse. Il sudamericano ha continuato a mulinare colpi nel resto del round fino ad una nuova caduta del  mancino Judah, considerata scivolata dall’arbitro.
Judah, già campione IBF e WBO superleggeri, WBA, WBC ed IBF welter, ha migliorato il suo record portando le vittorie a quota 40 (27 anzitempo) contro 6 insuccessi e 2 no-contest.
Matthysse ha conosciuto la prima sconfitta dopo 27 trionfi (25 prima del limite) ed 1 no-contest.
L’ex campione IBF piuma e superpiuma Robert Guerrero, per guadagnarsi il via libera al vincitore della prossima sfida tra Juan Manuel Marquez e Michael Katsidas, ha dimostrato la sua superiorità sul 29enne Vicente Escobedo, monopolizzando il confronto fino alla vittoria ai punti in dieci riprese con verdetto unanime. Questi i cartellini: 100-90, 98-90 e 96-92. Durante i veloci scambi il 27enne “The Ghost” Gurerrero ha inviato due volte sulla stuoia il suo avversario, nella terza e nella sesta ripresa. Il mancino Guerrero ha condotto un match agile, senza sollecitazioni e forzature, pensando di arrivare in fondo alla gara con il vantaggio dell’eccellenza. Guerrero, dopo aver conquistato la vacante cintura WBO Inter-Continental dei pesi leggeri, ha lasciato il quadrato con il record di 28 vittorie (18 prima del limite), 1 sconfitta, 1 pareggio ed 1 no-contest. Escobedo ha riportato la perdita numero 3 a fronte di 22 trionfi (14 anzitempo).
Altri risultati:
Mediomassimi, Angel Concepcion W PTS 4 Maurice Amaro;
Medi, Bastie Samir W TKO 1 Damion Reed;
Superwelter, Mikael Zewski W PTS 4 Ardrick Butler;
Welter, Sadam Ali W TKO 2 Gary Bergeron;
Superleggeri, Michael Brooks W PTS 4 Kywame Hill;
Leggeri, Adrien Broner W TKO 1 Ilido Julio;
Leggeri, Michael Perez W TKO 1 Hevinson Herrera;
Superpiuma, Tyrone Luckey W TKO 3 Alex Monte.
 
05.11.2010, Fargo, North Dakota, United States
Nello stesso programma si sono esibiti con diversa fortuna i figli di tre grandi campioni statunitensi del passato. Parliamo di due ex campioni del mondo quali James “Buddy” McGirt ed Aaron Pryor oltre alla medaglia d’oro olimpica Howard Davis Jr.
Il 27enne mancino James McGirt Jr ha ceduto di fronte al lanciato 25enne Edwin Rodriguez, statunitense di origine dominicana, nel confronto valido per il vacante titolo WBC USNBC dei pesi supermedi. McGirt ha usato molto il jab destro seguito da diretti sinistri e ganci a due mani mentre “La Bomba” Rodriguez ha fatto più uso di ganci e montanti. Ripresa dopo ripresa il confronto è divenuto sempre più eccitante con i pugili che continuavano ad incalzarsi. McGirt, 22-3-1-1 NC (11), ha pagato caro questo suo estremo sacrificio di non cedere al confronto aperto ed è stato fermato dall’arbitro Mark Nelson ad 1:57 della nona tornata. L’invitto Rodriguez, 17-0-0 (13), è apparso ancora una volta una macchina da pugni che lascia ben sperare per il suo nuovo protettore Lou DiBella, ex patrocinante di McGirt, mostrandosi capace di cambiare guardia per inasprire le difficoltà dell’avversario.
Gli altri due rampolli della serata, benché molto lontani dai valori espressi dai rispettivi genitori, si sono misurati pure al limite dei supermedi. Il 32enne Aaron Pryor Jr, 15-2-0 (11), ha superato sulla distanza delle otto riprese il 29enne Dyah Davis, 18-2-0 (9), con decisione unanime, ed ha dato al papà Aaron Sr la soddisfazione che gli è mancata quando ha affrontato il padre di Dyah, Howard Davis Jr, nella competizione Trias per le Olimpiadi del 1976. In quella occasione Howard vinse su Aaron Sr sulla strada delle qualificazioni dei Giochi Olimpici di Montreal.
Altri risultati:
Supermedi, Marcus Johnson W TKO 3 (Abb) Kevin Engel;
Medi, Andy Kolle W KO 1 Francisco Ruben Osorio;
Superwelter, Ishe Smith W TKO 2 (Abb) Alexander Pacheco;
Superwelter, Corey Rodriguez W PTS 4 Nick Runningbear;
Welter, Antwone Smith W TKO 5 (Abb) Martinus Clay;
Welter, Jamal James W KO 1 Wes Ronchi.
 
 
ASIA E ORIENTE
 
06.11.2010, Tokyo, Giappone
Il 35enne giapponese Motoki Sasaki ha dovuto faticare più del previsto per avere ragione del 26enne indonesiano Geisler AP, in occasione della sua prima difesa della cintura OPBF dei pesi superleggeri. Sasaki ha sofferto le riprese iniziali di fronte ad un più altro avversario. Il nipponico è arrivato al settimo round per chiudere il conto con un micidiale gancio sinistro sulla guancia dello sfidante. L’indonesiano, arrivato all’appuntamento da imbattuto con soli tre incontri a torso nudo dopo una dichiarata carriera amatoriale da invitto con 20 combattimenti, è rimasto sulla stuoia fino al dieci scandito dall’arbitro filippino Delbert Perigrino. Erano trascorsi 1:07 della ripresa.
Sasaki, 35-8-1 (22), già titolare nazionale dei superleggeri, è stato a lungo campione OPBF dei pesi welter, nella cui categoria ha combattuto senza successo contro l’ucraino Vyacheslav Senchenko per il titolo WBA.
L’altro giapponese impegnato nella difesa del titolo OPBF dei pesi piuma, il 34enne Naoki Matsuda, ha dovuto cedere la corona continentale al 25enne filippino Jonel Alivio, 16-10-2 (8), per la via rapida.
Lo sfidante ha preso il sopravvento nel corso della seconda ripresa facendo toccare il tappeto al campione locale con un gancio destro. Matsuda si è rifatto allo stesso modo, pure con un destro, nel round seguente quando si è avvantaggiato pure per un richiamo ufficiale rivolto dall’arbitro australiano Brad Vocale al filippino che ha reiterato colpi irregolari. Il giapponese è poi rimasto ferito sulla fronte da un accidentale scontro di teste, riportando un sanguinante taglio.
La svolta si è avuta nel sesto tempo con Alivio proteso a scagliare feroci attacchi culminati con un gancio destro che ha fatto cadere pesantemente Matsuda, 33-9-4-1 NC (13). A quel punto dall’angolo giapponese è volato l’asciugamani che ha deciso il verdetto finale. Erano trascorsi 55 secondi dall’inizio del sesto round.
 
 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 NOVEMBRE DEL 1986

Ronzoni supera Scapecchi di Priminao Michele Schiavone Il campione italiano numero 17 dei pesi superleggeri fu Maurizio Ronzoni, che il 21 novembre 1986 tolse la cintura al grossetano Alessandro Scape...

21/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 NOVEMBRE DEL 1961

Truppi batte il tedesco Moll di Priminao Michele Schiavone Il peso medio modenese di origine brindisina Tommaso Truppi lasciò il ring di Modena da imbattuto la sera del 20 novembre 1961, quando...

20/11/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MELIO BETTINA

Al secolo Emilio Antonio Bettina di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore Melio Bettina. Anche se non viene annoverato tra i grandi della categoria fu sicuramente un ottimo pugile, un mediomassimo dal record...

19/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 NOVEMBRE DEL 1977

Azevedo pareggia con Backus di Priminao Michele Schiavone Il 19 novembre 1977 l’ex campione mondiale dei pesi welter Billy Backus, guardia destra originario di Canastota, New York, e nipote del ...

19/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 NOVEMBRE DEL 1972

Ugo Poli sconfigge Bruno Pieracci di Priminao Michele Schiavone La provincia di Sondrio trovò nel valtellinese Ugo Poli, originario di Ardenno, l’elemento di spicco per promuovere negli a...

18/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 NOVEMBRE DEL 1985

Giampiero Pinna vincitore di Mario Bitetto di Priminao Michele Schiavone Il sassarese Giampiero Pinna, divenuto campione italiano dei pesi mosca al terzo tentativo, il 17 novembre 1985, a Vercelli, so...

17/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 NOVEMBRE DEL 1967

Franco Innocenti supera Antonio Villasante di Priminao Michele Schiavone L’aretino Franco Innocenti tornò al successo il 16 novembre 1967, nella sua città, dove affrontò l&r...

16/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 NOVEMBRE DEL 1973

Giorgio Braconi sconfigge Cosimo Convertino di Priminao Michele Schiavone Il bresciano Giorgio Braconi per accedere al campionato italiano dei pesi superleggeri dovette disputare una semifinale al tit...

15/11/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS